hronline
     n. 14 anno 2019

Il burnout e la gestione (fallimentare) dello stress lavorativo

di Francesco Bacchini

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità), nell'11a revisione della classificazione internazionale delle malattie (ICD-11) datata 28 maggio 2019(che entrerà però in vigore nel gennaio del 2022), ha qualificato il burnout nei termini di "fenomeno professionale".

Nello specifico, il burnout è inteso non quale malattia o condizione di salute, bensì nel capitolo: "Fattori che influenzano lo stato di salute o il contatto con i servizi sanitari", all'interno del quale vengono incluse le cause per cui le persone si rivolgono al sistema sanitario.

L'OMS imputa il burnout alle inefficienze (con esiti irreversibili) della gestione dello stress lavorativo, in quanto "sindrome concettualizzata come conseguenza dello stress cronico sul posto di lavoro che non è stato gestito con successo".

Sicché, alla luce delle recenti acquisizioni in argomento, il burnout integra un rischio psicosociale di portata generale, che può materializzarsi in qualsiasi organizzazione di lavoro, anche al di là dei contesti professionali "tipici" da cui, storicamente, trae origine.

Proprio alla luce di tali considerazioni non sembra dunque più possibile intendere il burnout (termine che rimanda, letteralmente, alla vicenda del "bruciarsi" o "consumarsi") quale epilogo di un processo stressogeno cronico che si ambienta sullo sfondo delle sole c.d. "helping professions"; attività, cioè, che si traducono in mansioni di aiuto, ascolto e cura in favore di soggetti comunque in stato di precarietà emotiva, incapaci di provvedere alla cura di sé, e perciò necessitanti di costante supporto: è il caso, in particolare, di addetti a reparti di pronto soccorso o specializzati in patologie croniche e invalidanti (psichiatrici, oncologici o di terapia intensiva) ma anche di operatori dei servizi sociali e scolastici, nonché di psicologi, agenti delle forze dell'ordine e di polizia penitenziaria o addetti al volontariato socio-assistenziale.

Il burnout si pone, dunque, quale vera e propria "sintomatologia da stress" (che comprende: fenomeni di affaticamento, logoramento, esaurimento emotivo, depersonalizzazione, ridotta realizzazione personale e improduttività lavorativa, ma anche una costellazione di altri sintomi come somatizzazioni, apatia, eccessiva stanchezza, risentimento, infortuni), direttamente riconducibile all'obbligo di tutela della salute dei lavoratori e alla valutazione dei rischi lavorativi.

Leggendo, infatti, il profilo scientifico del burnout in funzione del T.U.S.L (d.lgs. n. 81/2008), non può non osservarsi come, ai sensi dell'art. 2, co 1, lett. o), esso rientri a pieno titolo in una definizione di "salute" (sul lavoro) di tenore talmente ampio da risultare onnicomprensiva, rilevando quale "stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un'assenza di malattia o d'infermità".

La stessa totalizzante vocazione sociale al benessere psico-fisico ispira anche l'art. 28 del medesimo decreto, a tenore del quale il datore di lavoro è obbligato a valutare, tra l'altro, i rischi connessi allo stress lavoro-correlato (definito dall'accordo europeo dell'8 ottobre 2004, integralmente recepito dall'accordo interconfederale 9 giugno 2008, come "una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste o di non essere all'altezza delle aspettative [...]).

La normativa richiamata si pone, quindi, quale espressione di quel percorso giuridico - sociale volto ad orientare le condizioni organizzativo-ambientali del lavoro alla prioritaria tutela della dignità del dipendente: processo, questo, tutt'altro che compiuto, nella misura in cui impone che la gestione aziendale dello stress correlato al lavorosi confronti con le più recenti acquisizioni di psicologia e psichiatria anche sociali.

In altri termini, l'emergere di inediti disagi individuali legati ai target economici, alla valutazione delle performance, ai conflitti interpersonali, all'intensità dei ritmi lavorativi, all'eccessivo affaticamento sul posto di lavoro determina, inevitabilmente, il dilatarsi del novero delle circostanze "stressogene", in quanto tali lesive della salute del lavoratore.

E', quindi, un campo d'indagine sempre in continuo divenire quello entro cui vanno condotte sia, in via preliminare, la valutazione del rischio stress, sia, successivamente, la classificazione degli interventi in termini di prevenzione primaria, secondaria e terziaria (da attuare in conseguenza, rispettivamente, dell'orientamento al contrasto delle fonti, della finalità di gestione e di impedimento delle situazioni, della focalizzazione sulla gestione negativa dello stress che si è già manifestato).

Rimane comunque fermo che, così come lo stress, anche il burnout rileva, ai fini lavoristici, soltanto qualora tragga origine da fattori propri del contesto occupazionale ed estranei a dinamiche della vita privata, soprattutto familiare; non è, quindi, infondato ritenere che la novità sia di maggior pregio (non già sul piano strettamente giuridico il quale, per ora, resta del tutto invariato, ma) perché, essenzialmente, recepisce ed estende il consolidato indirizzo scientifico in materia di processi stressogeni cronici lavorativi con esito patologico.

Ciò in disparte, nessun dubbio, dall'entrata in vigore della nuova classificazione, in merito all'obbligo di valutare e gestire le fonti e le situazioni potenzialmente sfocianti nella sindrome da burnout; il che, evidentemente, a tutela di dignità e produttività del lavoro, della salute del singolo, così come del benessere aziendale.

Francesco Bacchini
Professore di Diritto del Lavoro Università di Milano Bicocca, Studio Legale "Lexellent"