hronline
     n. 10 anno 2019

“Lavorare nelle risorse umane: competenze e formazione 4.0”

a cura di Giuditta Alessandrini

Armando Editore, Roma, 2019
(di Riccardo Orfei, Docente a contratto Master HR Specialist-Professionisti per le Risorse Umane, Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Roma Tre)

Per la nuova collana "Education e Risorse Umane" della casa editrice Armando è stato pubblicato il volume dal titolo "Lavorare nelle risorse umane: competenze e formazione 4.0".
Il libro, curato da Giuditta Alessandrini, professore ordinario senior di Pedagogia Generale, Sociale e del Lavoro all'Università degli Studi di Roma Tre, raccoglie i contributi di 12 autori e può essere considerato una primaria fonte di consultazione per chi opera nel campo delle risorse umane, della formazione e dell'orientamento al lavoro.
L'opera, infatti, con la sua "narrazione" delle trasformazioni in ambito formativo legate a Industria 4.0, propone dati recenti e strumenti metodologici utili ad affrontare anche tematiche di stringente attualità come occupabilità e tutorship per la ricerca di lavoro.
I nove capitoli, arricchiti da focus e appendici, presentano al lettore un'accurata disamina dei trend topic delle risorse umane nell'era della digital transformation, con una particolare attenzione ad argomenti quali l'engagement e l'e-recruitment, i nuovi fabbisogni e le competenze digitali sempre più essenziali, come sottolineato dai diversi report internazionali i quali evidenziano la necessità di un maggiore investimento sulla digital literacy.
Il saggio introduttivo di Alessandrini, oltre ad affrontare i temi essenziali dell'HR 4.0, solleva anche nuove domande, aspettative e responsabilità per coloro che svolgono un ruolo di guida nel campo delle risorse umane con questioni che tessono una sorta di fil rouge ai contributi degli altri autori: Romano Benini, Maria Caterina De Blasis, Valerio Massimo Marcone, Patrizia Ordasso, Francesco Donato Perillo, Claudio Pignalberi, Emanuele Pucci, Pierluigi Richini, Sara Severino, Rosalba Silverio e David Trotti. Alcuni degli autori, responsabili di risorse umane nei contesti di impresa, contribuiscono anche alle attività formative del Master HR Specialist-Professionisti per le Risorse Umane, erogato dal Dipartimento di Scienze della Formazione di Roma Tre.
Importante, nelle pagine del libro, anche l'apporto di AIDP che, nel capitolo firmato da David Troppi, presidente regionale del Gruppo Lazio, attraverso un interessante focus group, presenta il punto di vista dei direttori del personale che si trovano oggi a gestire elevate complessità. Un punto di vista che, partendo da esperienze concrete, fornisce argomentazioni sulle competenze di Industria 4.0, sulla formazione manageriale, il team working, i millennial o il rewarding.
Questo volume può essere quindi considerato un'utile guida per i responsabili del settore HR che si trovano di fronte agli ineluttabili processi trasformativi, sia nel paradigmatico cambiamento che conduce in direzione del digitale, sia nella sempre più diffusa destrutturazione organizzativa, che spinge ogni membro a una partecipazione sempre più attiva nelle scelte decisionali e operative.
Se gestire il cambiamento è da sempre l'impegno più sfidante per coloro che amministrano il capitale umano, avere a disposizione una visione multipla, critica e anticipatrice dei fenomeni che lo caratterizzano è un valido aiuto per affrontare gli inevitabili ostacoli con maggiore serenità e consapevolezza.