hronline
     n. 5 anno 2019

L'arte di coltivare la componente umana del Lean.
Tecniche e strumenti pratici per accelerare i cambiamenti nei progetti di miglioramento continuo

autori, Alessandro Mazzi e Federica Tozzi

Franco Angeli Editore, 2019

Hai guidato la tua azienda attraverso l'applicazione dei principi della produzione snella ma ancora le persone non applicano o non mantengono gli strumenti e le tecniche lean in maniera continuativa? Sei responsabile di condurre iniziative di miglioramento dei processi aziendali ma non riesci a raggiungere i risultati che immaginavi? Non riesci a ottenere la partecipazione attiva delle persone con cui lavori e questo compromette la riuscita del progetto lean? Conosci i principi che stanno alla base dello spirito kaizen, del respect for people, dello hitozukuri ma fai fatica ad applicarli concretamente o cerchi nuove idee per migliorare il tuo metodo di lavoro?
Questo libro propone strumenti e suggerimenti operativi di ampia e immediata applicazione, da utilizzare nello svolgimento dei progetti lean, che in questo modo diventano momenti di apprendimento personale e aziendale, portano a una trasformazione della cultura e dei comportamenti, all'apertura al cambiamento e alla ricerca continua del miglioramento del proprio lavoro e di quello dei propri colleghi.
Il sistema di produzione Toyota (TPS) si basa su due pilastri principali: continuousimprovement
e respect for people. Nel Lean, la traduzione occidentale del sistema giapponese, il secondo pilatro è una componente spesso trascurata o mal compresa. Da qui la difficoltà di ricreare nelle nostre aziende il vero spirito kaizen. Esce ora un libro che mette al centro proprio il respect for people spiegando cosa realmente significhi, in cosa consista, come si declini in azienda, chi siano
in definitiva le "persone da rispettare" e, soprattutto, attraverso quali arti o tecniche sia possibile farlo esistere e crescere in azienda. Nello spirito del TPS, i due autori hanno unito per questo obiettivo le rispettive competenze: uno è un esperto di management e informatica l'altra un medico psichiatra esperta di coaching.
Il proposito di mantenere un livello pratico e di dare poco spazio a contenuti teorici e a ragionamenti di visione e strategia, deriva dalla volontà di stare concretamente accanto ai professionisti, accompagnandoli nella pianificazione e implementazione del proprio lavoro, e stimolandoli alla personalizzazione in un processo di apprendimento continuo. La componente umana è imprescindibile e inseparabile dalle componenti operativa e culturale, e insieme ad esse va attivata e coltivata, attraverso l'integrazione di metodologie derivanti dal coaching con il lean thinking, al fine di realizzare a pieno una lean company.